La Nuova Del Sud

Mer09192018

Ultimo aggiornamentoMer, 19 Set 2018 9am

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Back Sei qui: Home Primo piano Primo piano news Cronaca Omicidio Fontana, la famiglia chiede 13 milioni di risarcimento allo Stato

Omicidio Fontana, la famiglia chiede 13 milioni di risarcimento allo Stato

POTENZA - Oltre 13milioni di euro di risarcimento per un femminicidio che poteva essere evitato. Questa la richiesta della famiglia di Anna Rosa Fontana, la 38enne di Matera uccisa a coltellate dal suo ex compagno, Paolo Chieco, dopo mesi di violenze e persecuzioni.

I familiari si sono rivolti al tribunale civile di Potenza per chiedere al ministero degli Interni il ristoro del danno derivante dalla morte di Anna Rosa. Al centro della questione il mancato intervento delle forze dell’ordine, polizia e carabinieri, nelle ore precedenti l’aggressione mortale ai danni della donna, avvenuta la sera del 7 dicembre del 2010. Ieri mattina si è svolta la terza udienza del procedimento civile che si avvia verso le battute conclusive. Ad assistere la famiglia Fontana l’avvocato Maria Pistone. L’avvocatura dello Stato, invece, rappresenta il dicastero degli Interni. La richiesta di risarcimento si basa sul mancato intervento delle forze dell’ordine, dal momento che poche ore prima di morire Anna Rosa Fontana aveva ripetutamente chiesto l’intervento di polizia e carabinieri.

Approfondimenti sull'edizione cartacea de "La Nuova del Sud"

Mappa del sito

Link utili

  • Contatta la redazione
  • Per la tua pubblicità
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Modello organizzativo D.Lgs. 231/2001

Abbonamenti

Primo piano

Potenza e Provincia

Matera e Provincia