La Nuova Del Sud

Dom08192018

Ultimo aggiornamentoSab, 18 Ago 2018 8am

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Back Sei qui: Home Primo piano Primo piano news Cronaca Sicurezza strade: sindaci, comitati e associazioni non abbassano la guardia. "Occuperemo la Basentana"

Sicurezza strade: sindaci, comitati e associazioni non abbassano la guardia. "Occuperemo la Basentana"

FERRANDINA – Il grido di dolore e di aiuto delle comunità sembra aver scosso qualche coscienza. Ma non basta. Se alle misure individuate non seguiranno fatti concreti, gli sforzi profusi nel mese scorso rischiano di passare alla storia come l’ennesima sconfitta per la Basilicata.

La vicenda che si protrae ormai da 40 anni assumendo connotati sempre più drammatici. La Basentana va messa in sicurezza. Lo ribadiscono con forza a “Caffé di Traverso”, intervistati da Mariolina Notargiacomo, il sindaco di Ferrandina, Gennaro Martoccia e il presidente dell’associazione culturale Ipazia Teresa Russo. Un’arteria contraddistinta da una lunga scia di sangue, teatro di drammi familiari e giovani vite spezzate. Ferrandina è tra i centri più interessati da questo tragico fenomeno. L’ultimo episodio in ordine cronologico ci riporta alla memoria a quel 4 aprile, quando ben quattro giovani persero la vita. In tre erano aragonesi.

DUBBI SUL CRONOPROGRAMMA ANAS Nei giorni successivi all’ennesimo incidente mortale si aprirono tavoli in Comune a Ferrandina nell’ambito del quale fu rivolto un appello disperato al Prefetto di Matera. La risposta del rappresentante del governo Bellomo non si fece attendere e a distanza di qualche giorno dall’appello dei sindaci, la questione fu affrontata in Prefettura. Al vertice era presente anche il primo cittadino di Ferrandina. “Tutto sommato fu un incontro utile. Ma è inutile girarci intorno. Servono i fatti ora, di chiacchiere ne abbiamo fatte anche tante. Non vorrei - spiega Martoccia - che dopo questo primo impulso, non si arrivi ad una rapida conclusione del cronoprogramma stabilito da Anas. E se così non fosse, noi sindaci siamo pronti sin da ora a mobilitare i nostri cittadini, indossare la fascia e occupare la Basentana in modo duraturo e sostanziale, giorno e notte. Ne abbiamo tutto il diritto, è inconcepibile che siano trascorsi 40 anni e i lavori non siano ripartiti”.

Approfondimenti sull'edizione cartacea de "La Nuova del Sud"

Mappa del sito

Link utili

  • Contatta la redazione
  • Per la tua pubblicità
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Modello organizzativo D.Lgs. 231/2001

Abbonamenti

Primo piano

Potenza e Provincia

Matera e Provincia