La Nuova Del Sud

Mar06192018

Ultimo aggiornamentoLun, 18 Giu 2018 9am

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Back Sei qui: Home Primo piano Primo piano news Politica Legge elettorale, restano due i nodi da sciogliere: voto "congiunto" e premio di maggioranza

Legge elettorale, restano due i nodi da sciogliere: voto "congiunto" e premio di maggioranza

POTENZA- L’obiettivo è riuscire a licenziare la nuova legge elettorale regionale entro il prossimo 30 giugno. E per farlo le tappe non potranno che essere forzate. I nodi da sciogliere però restano. Anche perché è su questi che potrebbe, almeno in parte, giocarsi la prossima partita delle elezioni regionali.

Nodi che ieri, nel corso di un tavolo di maggioranza durato circa due ore, sono stati sciolti soltanto a metà. Al momento infatti le proposte sul tavolo sono due: quella del consigliere regionale Lacorazza e quella a firma del capogruppo Pd in Consiglio, Vito Giuzio. E se su due punti, abolizione del listino e doppia preferenza, è stata ormai quasi fatta sintesi, con una sostanziale convergenza, i due nodi veri ancora da sciogliere restano quelli dell’impossibilità del voto disgiunto (come nella proposta del Partito democratico che invece punta a quello “congiunto” consigliere-presidente) e del premio di maggioranza che dovrebbe garantire dodici seggi in aula a sostegno del governatore eletto.

Approfondimenti sull'edizione cartacea de "La Nuova del Sud"

Mappa del sito

Link utili

  • Contatta la redazione
  • Per la tua pubblicità
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Modello organizzativo D.Lgs. 231/2001

Abbonamenti

Primo piano

Potenza e Provincia

Matera e Provincia