La Nuova Del Sud

  • Home
  • Primo piano
  • Potenza e provincia
  • Matera e provincia
  • Cultura
  • Sport
  • Rubriche
  • Video
  • Abbonamenti

Sab02232019

Ultimo aggiornamentoVen, 15 Feb 2019 8am

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Back Sei qui: Home Rubriche Rubriche news Salute La nostra salute. L’importanza del latte materno

La nostra salute. L’importanza del latte materno

Il latte della mamma è il migliore alimento che ci sia per un neonato. Questa è una certezza assoluta, anche nelle epoche passate. Per questo la neomamma che aveva la fortuna di avere a disposizione molto latte, cercava in ogni modo di non sprecarlo ed oltre ad allattare il proprio figlio, lo metteva a disposizione per altri bimbi la cui mamma ne aveva poco, o addirittura veniva donato ad anziani privi di denti che non potevano masticare e non digerivano bene il latte vaccino.

Il latte umano è infatti l’unico latte sempre ben tollerato all’organismo dell’uomo e, in mancanza di efficaci sistemi di spremitura e soprattutto di conservazione, il latte veniva somministrato in un modo che oggi apparirebbe quanto meno bizzarro e poco igienico, cioè direttamente dal capezzolo. Un tempo, però, le necessità di sopravvivenza superavano le convenzioni e i problemi di igiene. Tanto più che, appena uscito dalla mammella, il latte era sterile e perfetto, mentre la conservazione comportava un tempo grossi problemi. Infatti il latte poteva anche essere spremuto a mano, ma non esistevano recipienti sterili, metodi di refrigerazione e di sterilizzazione. Il latte, fortemente deperibile, era attaccato da batteri e poteva causare seri problemi di intossicazione a chi lo consumava. Questi problemi sono superati grazie alla possibilità di refrigerare il latte e addirittura di congelarlo e, soprattutto, di mantenere le stesse proprietà nutritive e di igienicità che lo caratterizzano appena uscito dal seno. È merito del tiralatte, uno strumento che esiste sia in versione manuale sia in versione elettrica, è possibile recuperarlo a un prezzo contenuto in tutti i negozi specializzati nelle migliori marche per l’infanzia. Il tiralatte è dotato di una coppetta che si appoggia sul capezzolo creando un vuoto e, una volta azionato, aspira letteralmente il latte dal seno della mamma. Questo viene trasferito dentro un contenitore sterile o direttamente nel biberon. A questo punto può essere conservato come si desidera. Se non fa troppo caldo, perfino a temperatura ambiente (non oltre due - tre ore, però) proprio perché il contenitore e’ sterile. Nel frigorifero dura un giorno ed è possibile conservarlo nel congelatore, nei contenitori appositi in freezer, dove si conserva anche fino a dieci - quindici giorni. Il latte va poi lasciato scongelare in frigorifero e prima di essere somministrato al piccolo va scaldato alla giusta temperatura. Il tiralatte e le varie possibilità di refrigerazione danno modo a una mamma di nutrire il proprio bimbo con il latte migliore, anche quando deve riprendere, al termine del regolare tempo di astensione, il lavoro. L’uso del tiralatte al lavoro stimola la produzione di latte della mamma, e consente di averne una quantità sufficiente quando si allatta. È possibile anche raccogliere il latte estratto, per consentire al bambino di godere dei vantaggi salutari e nutrizionali del latte materno anche quando la mamma non è presente. Inoltre, ciò può rappresentare un ottimo modo per sentirsi vicini al proprio bambino anche quando si è al lavoro. Uno dei piu’ grandi vantaggi di questa procedura è che al ritorno a casa si trova il proprio bambino che vuole essere allattato. Lo si prende in braccio, e si può ristabilire un legame unico, nutrendolo in un modo assolutamente insostituibile. Per essere certi che il bambino voglia essere allattato quando si torna a casa è meglio chiedere alla persona che se ne prende cura di non alimentarlo durante l’ultima ora di lavoro della giornata, o di dargli giusto il necessario per calmare un po’ la fame. In tal modo, quando la mamma torna a casa dal lavoro, sarà in grado di abbracciare affettuosamente il proprio bambino e allattarlo subito. Sebbene possa sembrare una procedura strana e complicata da eseguire in un ambiente di lavoro, molte madri ritengono che i vantaggi dell’estrazione del latte siano di gran lunga superiori ai fastidi. Come estrarre il latte mentre si e’ al lavoro? Un tiralatte, manuale o automatico con un kit di raccolta doppio, per eseguire l’estrazione contemporanea del latte da entrambe le mammelle. Bottiglie o sacchetti igienici per raccogliere e conservare il latte. Disponibilita’ di un frigorifero o frigo portatile per mantenere il latte freddo fino al ritorno a casa (molti tiralatte sono forniti di kit refrigerante). Coppette igieniche assorbi-latte per proteggere gli abiti in caso di perdite. È consigliabile iniziare ad eseguire questa routine a casa propria, prima del ritorno al lavoro, per sapere cosa aspettarsi e come ci si sente. Una volta al lavoro, conoscendo quanto latte si riesce a produrre e se è sufficiente a riempire il recipiente destinato all’uso, si fara’ tutto con maggiore sicurezza e tranquillità. Inoltre, quando si va al lavoro, è rassicurante sapere di avere già una riserva di latte per il proprio bambino nel freezer. L’ideale, nel posto di lavoro, è avere accesso a una stanza privata, dove si può usare il tiralatte tranquillamente e in modo riservato , come ad esempio una stanza non utilizzata, la sala per le conferenze, o anche uno stanzino abbastanza grande e pulito con una sedia, un tavolo e, al bisogno, una presa elettrica (non sempre necessaria perché la maggior parte dei tiralatte elettrici sono provvisti di batteria opzionale). È utile cercare una stanza che si possa chiudere a chiave, in modo da non doversi preoccupare di eventuali intrusioni. Chiedere suggerimenti al direttore o al personale delle risorse umane, e affidarsi al supporto di un collega o di un supervisore, se necessario. Se c’ è una richiesta sufficiente (bastano anche due madri) ci si può accordare per creare una postazione di allattamento in ufficio. Nel caso tutto questo non fosse possibile, si eseguira’ l’estrazione del latte in un bagno. Tranquille, molte donne lo fanno o lo hanno già fatto con successo per tutti i mesi necessari all’allattamento materno. La quantità di latte può variare in base ai giorni. Per massimizzare il flusso, cercare di eseguire l’estrazione alla stessa ora e nello stesso posto ogni giorno. Rilassarsi e guardare una foto del bambino o visualizzarlo nella propria mente durante l’estrazione. Lo stress e la stanchezza sono i nemici peggiori. È fondamentale che una madre in allattamento adotti un’alimentazione corretta e beva acqua in abbondanza mentre e’ al lavoro. Con quale frequenza si esegue l’estrazione del latte? La frequenza ideale è ogni due o tre ore. Cio’ dovrebbe fornire latte a sufficienza al bambino mentre si è via, e consentire di mantenere la produzione di latte, per poter continuare ad allattare il bambino la mattina, la sera e durante il fine settimana Come conservare il latte mentre si e’ al lavoro? Estrarre e conservare il latte in bottiglie di vetro o di plastica oppure negli appositi sacchetti. Lasciare dello spazio in ogni bottiglia o sacchetto, per consentire l’aumento di volume in caso si decida di congelare il latte. Applicare un’etichetta con nome e data, per utilizzare prima le scorte meno recenti. Conservare il latte nel frigorifero dell’ufficio o in un frigo portatile mentre si è al lavoro. Trasportare il latte a casa utilizzando un frigo portatile con una riserva di ghiaccio se il viaggio dura piu’ di 30 minuti.

Mappa del sito

Link utili

  • Contatta la redazione
  • Per la tua pubblicità
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Modello organizzativo D.Lgs. 231/2001
  • Policy norma ISO 37001

Abbonamenti

Primo piano

Potenza e Provincia

Matera e Provincia