La Nuova Del Sud

  • Home
  • Primo piano
  • Potenza e provincia
  • Matera e provincia
  • Cultura
  • Sport
  • Rubriche
  • Video
  • Abbonamenti

Mar03192019

Ultimo aggiornamentoVen, 15 Feb 2019 8am

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Back Sei qui: Home Rubriche Rubriche news Salute Poca frutta e verdura e troppi grassi nella dieta e l’allattamento naturale è diventato di nicchia

Poca frutta e verdura e troppi grassi nella dieta e l’allattamento naturale è diventato di nicchia

Roma - Allarme rosso per l’alimentazione di mamme e bambini. Poca frutta e verdura e troppi grassi nella dieta e l’allattamento naturale è diventato di nicchia. In Italia i consumi di frutta e verdura sono crollati del 30% circa in meno di quindici anni, mentre per patologie legate all’alimentazione il sistema sanitario paga 23 miliardi di euro l’anno.

Sovrappeso o addirittura obeso un bambino su tre. Sono alcuni dei dati forniti da Cia (Confederazione italiana agricoltori) e Vas (Verdi Ambiente e Società). ’’La flessione continua dei consumi di frutta e verdura in Italia è da allarme rosso - dichiara il vicepresidente vicario della Cia, Cinzia Pagni - In meno di 15 anni gli acquisti di ortofrutta sono diminuiti di quasi il 30%, passando dai 450 kg a famiglia del 2000 ai 320 kg del 2013. E la riduzione dei consumi riguarda soprattutto le nuove generazioni, con ben il 22% dei genitori che dichiara che i propri figli non mangiano frutta e verdura quotidianamente, mentre al contempo cresce del 7% il ricorso al ’junk food’’’. ”Non è solo un problema serio per i redditi degli agricoltori - sottolinea Pagni- ma un vero dramma per i riflessi che ha sulla salute pubblica. Oggi i costi sanitari di obesità e sedentarietà toccano, in Italia, 23 miliardi di euro all’anno. Più del 20% dei bambini è in sovrappeso e il 10,4% obeso. Quindi, circa un bambino su tre, tra i 6 e i 9 anni, ha problemi di alimentazione”. Ma quali le cause di questa situazione? Sul banco degli imputati ci sarebbero lo svezzamento anticipato con cibi pronti e omogeneizzati, che influiscono sulla creazione di un gusto artificiale, mentre bisognerebbe partire dalla disponibilità locale di alimenti, cercando di prediligere quelli freschi. Un’alimentazione sana può rappresentare anche uno scudo efficace contro l’esposizione alle sostanze chimiche: circa 120.000 quelle che possono raggiungere il nostro corpo attraverso acqua, aria e cibo, secondo l’Agenzia europea per la Protezione dell’Ambiente. Per tutelare la salute dei bambini (e del pianeta), “l’allattamento al seno e un maggiore consumo di frutta e verdura diventano imprescindibili per limitare l’esposizione a sostanze tossiche naturali, a fitofarmaci, a farmaci, a inquinanti come diossina, metalli pesanti, a Ogm”, aggiunge la vicepresidente nazionale dei Vas, Simona Capogna. “Attualmente in Italia solo il 10% delle mamme allatta in modo esclusivo al seno nei primi 6 mesi mentre il 50% fa un allattamento misto con uno svezzamento precoce e il 40% non allatta affatto - continua Capogna - Scegliere di introdurre da subito cibi industriali, inoltre, ha anche un costo notevole per le famiglie. Acquistando 2 omogeneizzati di carne e 2 di frutta si spendono circa 1.200 euro all’anno, senza contare l’inquinamento del processo industriale, degli imballaggi e del trasporto”. Ed ecco qualche consiglio fornito da agricoltori e ambientalisti: meglio scegliere frutta e verdura locale, fresca e biologica, e l’allattamento al seno, che garantisce un alimento più sano e meno inquinato per il neonato, contenente sostanze protettive e stimolanti che aiutano a sviluppare il sistema immunitario, mitigando gli effetti dannosi dell’esposizione a residui chimici in utero e dopo la nascita. Bambini e adulti dovrebbero consumare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno.

Mappa del sito

Link utili

  • Contatta la redazione
  • Per la tua pubblicità
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Modello organizzativo D.Lgs. 231/2001
  • Policy norma ISO 37001

Abbonamenti

Primo piano

Potenza e Provincia

Matera e Provincia