La Nuova Del Sud

Mer01232019

Ultimo aggiornamentoMar, 22 Gen 2019 8am

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Back Sei qui: Home Sport Sport news Calcio

Serie D, Picerno: "Scacco matto" alla Turris. Tornado di reti sul Liguori

TORRE DEL GRECO- Il Picerno passeggia sulla Turris e si conferma piacevole rivelazione del girone. Mattatori i due Esposito, ma è tutta la squadra che gira a meraviglia al “Liguori”.

Leggi tutto...

Serie D, più "França" che "villa": il Potenza vola

POTENZA- Va al Potenza il derby del Viviani. I padroni di casa strapazzano per 5-0 il Francavilla e mantengono un vantaggio di +6 sul trio di inseguitrici composto da Cerignola, Altamura e Cavese.

Leggi tutto...

Il Francavilla è in un vicolo cieco

La sensazione è che il Francavilla si sia infilato dentro un vicolo cieco da dove non riesce più ad uscire. La compagine sinnica ha perso anche contro la Cavese e ora si trova sempre più invischiata nella zona pericolosa della classifica. L’undici di mister Bitetto, non era la squadra “migliore” che il Francavilla di questo inizio di stagione potesse affrontare, ma è ovvio che quando si è con l’acqua alla gola non ci si può fermare a sottilizzare. L’aspetto più negativo e preoccupante è sicuramente la mancanza di spirito combattivo da parte di una squadra che appare rassegnata e che alle prime difficoltà si scioglie. Una mancanza di carattere e di grinta, sottolineata proprio nel post partita dal presidente Cupparo che non ha salvato nessuno. Squadra, allenatore e società hanno tutti la loro percentuale di colpe.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Picerno, l'orgoglio non basta

Due punti nelle ultime cinque gare. E’ questo, il magro bottino del Picerno in questo scorcio di campionato. Due sconfitte consecutive contro Cavese e Gragnano hanno reso ancora più difficile il momento della compagine melandrina che già da diverse settimane sembra aver perso lo smalto e lo slancio di inizio stagione. La parola crisi pertanto non appare inappropriata. La sconfitta contro la compagine partenopea, però, è figlia anche di alcuni episodi condizionanti. Quello più evidente è sicuramente stato il calcio di rigore e il cartellino rosso diretto ad Impagliazzo. D’un tratto il Picerno si è trovato sotto nel punteggio e in inferiorità numerica: praticamente una parete verticale da scalare a mani nude. Nonostante tutto, la compagine rossoblu ha avuto una reazione d’orgoglio e ha cominciato a lottare con grande generosità. Due componenti che erano mancate nelle ultime gare, ma che purtroppo per i melandrini, non sono bastate per raddrizzare una situazione già di per sé piuttosto complicata.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Potenza, Niente scherzetto solo dolcetto

“Trick or Treat”? “Dolcetto o Scherzetto”? All’indomani della notte di Halloween il Potenza fa ritorno da Sarno con una busta piena di dolci e con i tre punti in saccoccia dopo aver rifilato il tris sul manto verde del Felice Squitieri alla Sarnese. “Dolce” trasferta non solo per l’intera posta in palio centrata ma anche per l’allungo nei confronti del Cerignola, caduto in casa sotto i colpi dell’Altamura. Si perché neanche il più fiducioso degli ottimisti avrebbe pensato di far ritorno da Sarno con una vittoria e a sei lunghezze di vantaggio dalle dirette inseguitrici, visto che l’incrocio pericoloso, almeno all’apparenza, poteva favorire il Cerignola. E invece a godere sono i rossoblù mentre a sprofondare nell’incubo tocca proprio ai pugliesi caduti nell’oblio per mano del fratello maggiore di Pierpaolo Di Senso, Sebastian.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Matera, cresce l'attesa

C’è attesa a Matera per il match di domani contro la Juve Stabia. In casa biancazzurra c’è fiducia. Non mancano le buone notizie: una di queste riguarda direttamente, il giovane calciatore biancazzurro, Leonardo Sernicola che è stato convocarto con la nazionale Under 20 che parteciperà al match contro la Germania nel Torneo Otto Nazioni che si disputerà giovedì prossimo. Una bella notizia per il ragazzo che si è guadagnato la convocazione del cittì Fedrico Guidi, a suon di ottime prestazioni con la maglia del Matera. Una notizia che sicuramente galvanizzerà ulteriormente il laterale di mister Auteri. Intanto la sfida alla Juve Stabia si avvicina e a più o meno ventiquattro ore dal match contro le vespe stabiesi, è tempo di scelte per il tecnico siciliano. Per quel che riguarda il pacchetto arretrato, sembra che il solo Di Sabatino non sia a disposizione dell’allenatore.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Potenza, i due volti del Leone

Il Potenza ha due volti. E malgrado la replica, anche leggermente piccata, del presidente Caiata nel post-partita di domenica è difficile negare l’evidenza. Anche col Pomigliano il leone rampante ha mostrato la sua natura felina: predatore rabbioso per venti minuti, poi gatto sornione per il resto del match. Ma il risultato lo porta sempre a casa. Una virtù, non un difetto. Il Potenza messo in cantiere dal dirigente numero uno rossoblù e allenato con pragmatismo da Ragno ha questa particolare caratteristica che lo rende unico: pur dominando nei fatti e nei numeri, in campo quasi mai ha un controllo totale della partita. Anzi, spesso va in affanno. Ma a Guaita e soci bastano quei 20 minuti di assalto furioso per tornare a casa con un lauto bottino e una preda ridotta a brandelli. Ai tifosi va più che bene, ai giocatori anche, al presidente pure. E il tecnico, che si sta godendo una stagione da record, certo non si dissocia. Se c’è qualcosa da risolvere c’è modo e tempo per farlo. Di sicuro Ragno non se n’è stato in panchina a godersi lo show.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Francavilla amaro dopo il pari di Manfredonia

Ancora amaro in bocca per il Francavilla. Sul campo del Manfredonia, la compagine sinnica ha portato via solamente un punto dopo il pareggio per 2-2 ma le recriminazioni sono tante. A cominciare dalla concessione del calcio di rigore del definitivo pareggio sipontino che ha lasciato degli strascichi polemici da parte della società sinnica che non ci sta.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Il Picerno rimane giù

Non è bastato un Picerno generoso e combattivo contro la Cavese, per portare via dal “Simonetta Lamberti” un risultato positivo. Il gol a freddo ad opera dell’ex attaccante del Melfi, Fella, ha costretto mister Arleo a rivedere i piani tattici già dopo spiccioli di partita. I rossoblu, tuttavia, non si sono persi d’animo e hanno reagito con fermezza e intraprendenza pur tuttavia non riuscendo a rimettere in piedi la partita. Uscire dal campo della Cavese con il rammarico per non essere riusciti a portare via nemmeno un punto, tuttavia, potrebbe essere visto anche come aspetto positivo. Vuol dire che il Picerno c’è e ha fornito un’ottima prova contro un avversario molto forte e quotato. I complimenti per la prestazione sono arrivati dallo stesso allenatore dei metelliani, Bitetto che ha elogiato la squadra di mister Arleo.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Matera, al tavolo delle grandi

Ora che il turno di riposo è alle spalle, sta per cominciare per il Matera una nuova settimana “tipo” ovvero quella che porterà i biancazzurri verso il match casalingo di sabato contro la Juve Stabia. La sfida alle “vespe” è delicata, sia per la classifica che per il morale della truppa biancazzurra. La sconfitta contro il Lecce, ha fatto male, ma solamente sotto il profilo del risultati in sé. Dal punto di vista della prestazione il Matera c’è stato e se l’è giocata alla pari contro la formazione salentina. Per questo la convinzione nei propri mezzi e l’autostima non può che essere aumentata nella testa dei giocatori di mister Auteri che sicuramente non vedranno l’ora di scendere in campo e dimostrare che il Matera c’è. Vincere contro la Juve Stabia avrebbe una valenza importante anche sotto il profilo numerico: significherebbe certificare la crescita di un gruppo giovane, totalmente (o quasi) rinnovato rispetto alla passata stagione che sta assimilando sempre meglio i dettami tattici del mister.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Serie D, neanche il Manfredonia guarisce il Francavilla: mezzo passo falso

MANFREDONIA - La doppietta di Trotta ha fermato la corsa del Francavilla, sul campo di un Manfredonia stoico e determinato, che per 90’ ha messo da parte i problemi societari, per disputare una partita accorta e tenace, ottenendo un buon pari (2-2).

Leggi tutto...

Serie D, l'ex Melfi Fella castiga il Picerno

CAVA DE’ TIRRENI- Il Picerno incassa la seconda sconfitta stagionale, ma esce dal “Lamberti” senza sfigurare e si porta a casa il rammarico di aver sprecato tanto. Con più freddezza e precisione sotto rete, gli uomini di Arleo avrebbero infatti acciuffato un pari che ci poteva stare.

Leggi tutto...

Serie D, al Potenza bastano sei minuti per spazzare via il Pomigliano

POTENZA - Dopo lo stop sul campo dell’Aversa Normanna, il Potenza torna a vincere e lo fa in grande stile tra le mure amiche dell’Alfredo Viviani, battendo per 4-1 il Pomigliano.

Leggi tutto...

Picerno, manca la serenità

In questo momento della stagione, manca un pizzico di tranquillità al Picerno. Una mancanza di serenità che traspare dalle dichiarazioni del tecnico Pasquale Arleo che si è detto preoccupato dopo la brutta prova offerta domenica contro il Molfetta. Lo stesso allenatore potentino ha ammesso che in questo momento la squadra è in difficoltà sia dal punto di vista fisico che sotto il profilo mentale. Per uscire da questo momento di empasse, però non c’è rimedio, se non il lavoro costante. Ad onor del vero la classifica del Picerno non è poi così deludente, anzi. Nelle prime otto giornate sono stati messi insieme 15 punti, il che porterebbe una proiezione alla fine del girone di andata a quota 30 che vorrebbe dire più di mezza salvezza in tasca. Eppure in casa melandrina c’è un pizzico di maretta, soprattutto per l’avvio brillante di stagione che aveva un attimo “illuso” i tifosi melandrini.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Un Potenza ancora più frizzante

Il Potenza ha ripreso a lavorare ieri al Viviani dopo il pari esterno del Bisceglia contro l’Aversa Normanna, il primo in campionato, dopo le sette vittorie consecutive inanellate dai rossoblu in questo primo scorcio di stagione. Voltare pagina è il diktat di mister Ragno che invita i suoi a proiettarsi già alla gara del Viviani contro il Pomigliano che aprirà un mini ciclo di impegni per i rossoblu che saranno anche impegnati nel turno infrasettimanale del 1 novembre contro la Sarnese per poi tornare al Viviani la domenica successiva per il primo derby lucano contro il Francavilla. Intanto fuori dal campo il presidente Caiata non ha né confermato e ne smentito, ma la storica gassosa Avena pare sia entrata a far parte del lotto di sponsor che sosterrà il club rossoblu in questa stagione agonistica.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Matera, una sosta propizia

Arriva il turno di riposto per il Matera che approfitterà per lavorare per un paio di settimane nel migliore dei modi in vista del match del 4 novembre contro la Juve Stabia. Una sosta che capita in un momento della stagione in cui i biancazzurri stavano crescendo quanto a convinzione nei propri mezzi, nonostante il ko contro la capolista Lecce di sabato sera. E’ un bene o un male che il turno di riposo arrivi proprio dopo la gara contro la formazione salentina e soprattutto dopo aver perso? E’ una domanda a cui dare una risposta appare piuttosto difficile e complicato. Se da un lato la sosta può essere considerata come una cosa positiva in quanto mister Auteri riuscirà ad affinare schemi e movimenti senza la pressione della partita imminente, dall’altra c’è anche un aspetto non propriamente positivo.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Potenza, abbonamenti: pronto il bis

Il Potenza prosegue la sua preparazione in vista della trasferta del “Bisceglia” contro l’Aversa Normanna, formazione che stazione nelle zone paludose di classifica e che sette gironi fa ha vissuto il ribaltone in panchina con l’esonero di Alessandro Caruso e l’arrivo in panchina di Antonio Marasco che all’esordio ha subito il poker per mano del Team Altamura del neo tecnico Ciro Ginestra. L’avvicinamento al match, valido per l’ottavo turno del girone H, è caratterizzato dal grande entusiasmo che si respira attorno alla squadra dopo la bella e convincente vittoria del Potenza contro il Cerignola, dai massimi esperti considerata la vera antagonista ai rossoblù pern l’assalto alla Serie C. Intanto, visto il crescente entusiasmo attorno alla squadra del leone rampante, il sodalizio di Via Nazario Sauro sta riflettendo seriamente sull’ipotesi di riaprire la campagna abbonamenti per la stagione calcistica in corso. A breve dovrebbero essere comunicate le modalità ed i prezzi per una campagna abbonamenti-bis che potrebbe durare una quindicina di giorni.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Picerno, Tramutola: "Solo un incidente di percorso"

Non è un momento felicissimo per il Picerno, dopo il primo ko stagionale contro il Taranto, ma l’ambiente prova a non piangersi addosso e a pensare solamente ad un pronto riscatto. Alla trasmissione “Che calcio dici” della Nuova Tv tra gli ospiti c’era Nicola Tramutola, allenatore della juniores melandrina oltre che assistente tecnico di Pasquale Arleo: “Non è stata una delle partite più brillanti per noi. Probabilmente il fatto di aver giocato in campo neutro e a porte chiuse è stato un vantaggio per il Taranto. Dopo un primo tempo giocato in quella maniera, con il pubblico forse nel secondo tempo sarebbero scesi in campo molto più nervosi. Poteva essere una partita diversa, ma il calcio non è fatto di se e di ma. Prendiamo atto della sconfitta, ma soprattutto ricordiamoci dell’importanza della rosa tarantina anche se hanno avuto qualche momento di difficoltà in questo avvio di stagione. E’ una fortuna per le squadre di alta classifica che abbiano perso tanti punti nelle prime giornate, forse anche per colpa di qualche problema societario, ma la rosa tarantina è davvero di qualità”.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Matera, scatta la giornata biancazzurra

Il Matera che nelle ultime partite ha registrato al meglio la sua difesa contro il Lecce potrebbe anche usufruire del ritorno di Stendardo che però inizialmente potrebbe accomodarsi in panchina come già accaduto a Catanzaro nell’ultimo match di campionato. Il calciatore campano dopo aver smaltito i postumi di un infortunio pare possa tornare arruolabile anche per sopperire all’assenza di Scognamillo (squalificato) e oltre a lui Auteri pare potrà contare anche su Maimone. Sabato sarà giornata biancazzurra  e tutti dovranno pagare il tagliando di entrata al XXI Settembre con la società che sogna e spera in un pienone per unire l’utile al dilettevole.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Picerno, subito una reazione

La parola d’ordine in casa Picerno, è rialzare immediatamente la testa. La sconfitta di Brindisi contro il Taranto, la prima della stagione in campionato, deve essere derubricata a semplice incidente di percorso per l’undici di mister Arleo. Un ko contro la formazione jonica ci può stare, anche se l’avvio in campionato del Taranto non era stato dei migliori, ma tant’è. Il messaggio a fine partita da parte dello stesso tecnico potentino è stato chiarissimo: riprendere a lavorare con la stessa intensità e la stessa voglia che finora ha fruttato quattro vittorie e due pareggi (sul campo) prima della frenata del “Fanuzzi”. Qualcosa ci sarà da migliorare, questo è innegabile. Uno dei pochi nei di questo inizio di stagione del Picerno è rappresentata dall’intensità: già contro il Gravina la squadra era apparsa nel secondo tempo un po’ troppo sfilacciata tra i reparti e meno aggressiva nel pressing, stesso difetto riscontrato dallo stesso Arleo contro il Taranto dove il tecnico ha evidenziato una insufficienza da questo punto di vista.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Potenza, niente paura c'è Panico

Niente paura, c’è Panico. Nomen omen direbbero i latini, Panico di nome e di fatto potremmo affermare nell’idioma autoctono, con il giovane classe ’99 che fa, letteralmente, il bello e il cattivo tempo sulla sua corsia preferenziale, quella mancina. Il sinistro del Diavolo che con personalità e intraprendenza calamita palloni, tampona le sortite avversarie e mette la freccia superando con sorpassi da strappo di licenza i diretti marcatori. E’ Ciro Panico da Cercola la freccia avvelenata nella faretra di mister Ragno, con l’ex Gragnano che si sta rivelando una delle pedine fondamentali nello scacchiere rossoblu. D’altronde il suo impiego parla chiaro con l’esterno mancino onnipresente in queste prime dieci partite, 7 di campionato e tre di coppa, nell’undici del leone rampante. Protagonista dentro e fuori dal campo con Ciro Panico che lunedì sera è stato ospite di “Ma che Calcio dici...”, il format targato La Nuova Tv sulle maggiori realtà calcistiche della Basilicata.

Approfondimenti nell'edizione cartacea de "La Nuova del Sud".

Mappa del sito

Link utili

  • Contatta la redazione
  • Per la tua pubblicità
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Modello organizzativo D.Lgs. 231/2001
  • Policy norma ISO 37001

Abbonamenti

Primo piano

Potenza e Provincia

Matera e Provincia